Pagine

venerdì 25 settembre 2009

Bardana (arctium lappa)

Bardana
Fiori di bardana, dimensione circa un centimetro
Bardana

Nel mio dialetto ligure la bardana viene chiamata båticristu, in genere al plurale, båticristi. Non c'entrano i fiori ma il fusto resistente e flessibile che veniva adoperato a mo' di frusta per percuotere chi impersonava Gesù Cristo nella processione del giovedì santo.

In questa stagione la pianta si può trovare ancora fiorita sopra i seicento metri, ed è proprio a quelle alture che ho scattato alcuni giorni fa le foto che vedete.


Da wikipedia
La medicina tradizionale attribuisce alla bardana (arctium lappa) una proprietà diuretica e di purificazione del sangue. In passato era consigliata anche contro artriti, ulcere, problemi allo stomaco, alopecia, psoriasi, impurità della pelle, prolasso uterino e per la cura delle ferite.

Attualmente è consigliata nel trattamento della pelle grazie all'utilizzo di decotti, estratti e impacchi che danno un certo giovamento per combattere l'acne, la foruncolosi e le pelli grasse. Fondamentalmente, la bardana ha una funzione depurativa, diuretica e stimola le funzioni epatobiliari.

Vengono utilizzate le radici di Arctium lappa raccolte nell'autunno del primo anno o nella primavera del secondo ed essiccate come anche quelle di Artiglio selvatico e di Bardana lanuta. Le radici di bardana vengono, più raramente, offerte sul commercio come Bardanae radix.

Un suffumigio di radici di bardana, occasionalmente anche di parti di pianta della parte superiore tagliata di recente o essiccati, serve per l'applicazione interna. Nelle applicazioni esterne, l'olio di radici di bardana viene applicato contro l'alopecia. Se ne sconsiglia l'applicazione in gravidanza.

Bardana

Il Velcro
Nel 1948 George de Mestral, ingegnere svizzero, dopo una camminata tra la natura si accorse che la sua giacca era cosparsa di piccoli fiori di bardana. Li osservò, prima con la lente e poi al microscopio. Scoprì che erano fatti di tanti uncini capaci di insinuarsi nella trama del tessuto e gli venne l'idea del velcro. La parola "Velcro" è un nome commerciale ed è un acronimo che deve la sua origine alle iniziali di VELours (velluto) e CROchet (gancio).

Non ditemi che non avete niente con chiusura a Velcro, e, visto che ci siamo, qualcuno può provare a "scrivere", consonanti e se crede anche vocali, il rumore dello strappo. Se avete un blog vi linko.

Titus
sst-ssstrap

Giovanna
sstrsstrrr

Filo
ssttrreech

Gturs
sscresch

Annarita
sssssrrrrrzzzzz

Skip
sssssstrash

Bardana
Bardana
Guanto astronauta con chiusura di velcro
Il guanto dell'astronauta John Young con chiusura di velcro adoperato sulla luna. Era il 20 aprile del 1972.

Technorati Tags: , ,

23 commenti:

  1. vedi come cambia il dialetto nel giro di pochi kilometri? da noi si chiama "lapassu" plurale "lapassi" da arctium LAPPA...
    In effetti la storia del Velcro dalla Bardana l'avevo sentita, e come dargli torto? ti rimangono attaccati addosso che è una...meraviglia!!!

    RispondiElimina
  2. Sesè, sulla LUNA...

    Noi furbi in realtà SAPPIAMO che quella della luna è tutta una bufala, no Alberto?

    ;)

    (ogni tanto ci ripenso e rido da sola, un giorno o l'altro mi internano)

    RispondiElimina
  3. Ciao, sono Andrea del blog Diego Garcia. Ho creato un nuovo blog che si chiama 'Informare è un dovere'. Il link è http://andreainforma.blogspot.com/

    Continuerò ovviamente ad usare anche Diego Garcia. Linka il mio blog nel tuo, e io farò lo stesso col tuo nel mio ovviamente. Scrivi Informare è un dovere come titolo del blog.

    Fammi sapere sul mio

    RispondiElimina
  4. foto bellissime. la pianta non la conoscevo. e in velcro ho la chiusura del portafoglio che ogni volta che lo apro fa
    sst-ssstrap

    RispondiElimina
  5. Si ho lo stesso guanto anch'io LOL!!!

    Scherzi a parte, pianta bellissima e le tue foto sempre molto piacevoli da vedersi.

    RispondiElimina
  6. Foto molto belle

    OT
    E’ ora che gli italiani scendano in piazza a protestare contro se stessi.

    RispondiElimina
  7. Bellissime foto!!!!!!!!Solo io sono una capra con la macchina fotografica!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  8. Bèh, non posso non esclamare anch'io:
    foto bellissime!
    Non so come è chiamata nel mio dialetto la bardana. (Cercando in "Ditzionàriu" non riconosco i termini riportati)
    Se dovesse interessare :-):
    "bardàna : cardajoni, cardudingiosu, curcusone, isprone, pigabighedhu. Erba, àrctium lappa."
    E detto inoltre (traduco io dal sardo):
    "una particolare erba che può arrivare a tre metri di altezza; viene detta anche "cima de pani" perché la sommità, morbida, è buona da mangiare"
    Il velcro:
    sstrsstrrr ! :-))
    ciao!
    g

    RispondiElimina
  9. oops: E detto = E' detto !

    RispondiElimina
  10. Alberto, tu vedi le forme al di là delle apparenze.
    Bello il color malva della bardana, mi ricorda una bella serata.
    Per il suono direi : ssttrreech Grazie. Ciao.

    RispondiElimina
  11. Non mi piacciono le chiusure a velcro, ci rimane imprigionato di tutto.....bella la scheda e bellisssime le fotografie.

    Per il suono vada per
    sscresch

    RispondiElimina
  12. Artemisia
    Io ci credo che siamo andati sulla luna.

    RispondiElimina
  13. So che le foglie fresche contuse, se applicate sulle punture di zanzare, vespe, api e calabroni, esercitano un rapido effetto antidolorifico e fanno diminuire il gonfiore

    Il rumore del velcro è un po' irritante e suona così:

    sssssrrrrrzzzzz!!!:)

    RispondiElimina
  14. Ma lo so, Alberto, che tu ci credi!!

    Se no non ne riderei con te.

    Ne approfitto per dire che le foto della bardana sono splendide.

    RispondiElimina
  15. Splendide foto per una pianta dalle tante proprietà benefiche.

    Ho notato che il velcro cambia rumore a seconda dell'estensione della striscia. Quella che ho sottomano fa sssssstrash.

    RispondiElimina
  16. da vicino ogni cosa rivela la sua bellezza! Sono foto davvero ben fatte!
    La luna è la tua strada che porta al lago? Ciao^^^

    RispondiElimina
  17. WOW che foto maxi belle!
    :-)

    RispondiElimina
  18. interessantissimo post, come sempre, complimenti per le foto ... io non sapevo nulla del velcro... grazie per le informazioni, sempre precise.

    RispondiElimina
  19. Il baticristu ha, da noi, il fiore molto simile, ma punge e, praticamente, è impossibile toccarlo a mano nuda. Si chiamano anche stugiùi... solo che non conosco il nome in italiano...

    RispondiElimina
  20. Pia
    Forse ti riferisci al cardo selvatico che ha le spine. Ce ne sono di varie specie. QUI una foto.

    RispondiElimina
  21. I seldom leave comments on blogs, but the ideas really rocks, also I have a few questions like to ask, what's your contact details?

    -Johnson

    RispondiElimina
  22. ha, I will experiment my thought, your post get me some good ideas, it's really amazing, thanks.

    - Norman

    RispondiElimina