Pagine

martedì 24 marzo 2009

Angelo Bagnasco

cardinale bagnascoNon ce l'ha fatta più a tacere e ieri è sbottato. Il cardinale Angelo Bagnasco capo dei vescovi italiani se l'è presa coi media che deridono il suo di capo, papa Ratzinger, per tutta una serie di decisioni, di prese di posizioni e di dichiarazioni. A dir la verità a essere critici sono molto di più i media stranieri che quelli nostrani, e non parliamo poi dei nostri politici che in questi ultimi tempi hanno abbassato senza ritegno le braghe rispetto al Vaticano.

Angelo Bagnasco però non entra nel merito delle questioni. Soprattutto in quella che forse è la più emblematica del trend attuale della Chiesa. Quella della riammissione nel gregge dei ribelli vescovi lefevbriani. E non sto parlando dei deliri di Williamson, ma del fatto che gli scomunicati sono rientrati nella comunione senza essersi pentiti di alcunché. E fra i vari alcunché c'è il rifiuto in toto del Concilio Vaticano II che aveva aperto le porte al sociale e che sembrava portare una ventata di rinnovamento religioso nel pachiderma della chiesa cattolica. Questi ribelli integralisti sembrano avere non poche simpatie e seguaci occulti all'interno delle gerarchie. Dei reconditi pensieri del papa non posso sapere. Posso tuttalpiù presumere.

28 commenti:

  1. La chiesa con questo papa è arretrata parecchio... (non che prima fosse tutta questa modernità ma almeno l'intenzione c'era)

    RispondiElimina
  2. Ci fosse ancora Cuore, il settimanale satirico di Michele Serra (e non solo) avrebbe intitolato:
    "hanno la faccia come il culo!"

    RispondiElimina
  3. Credo che in questo Paese la tolleranza per certe scelte della Chiesa sia pure troppa. Adesso non si può nemmeno riderci su?

    RispondiElimina
  4. A Bagnasco è scappata la pazienza.

    RispondiElimina
  5. hai perfettamente ragione.
    siamo sempre più ospiti in terra vaticana...

    RispondiElimina
  6. gian paolo24/3/09 15:41

    Invito ad andare al seguente http://icoit.wordpress.com

    RispondiElimina
  7. Effettivamente le critiche sono state più quelle estere che quelle italiane..

    RispondiElimina
  8. Già, in Italia c'è un silenzio assordante, a cominciare dal PD...
    E smettetela di far perdere la pazienza a Bagnasco, sennò ci manda un inquisitore a casa... :-d

    RispondiElimina
  9. Non aspettiamo critiche dal PD. i suoi uomini Non li facevano neppure quando non si erano scomunisticati

    RispondiElimina
  10. Ratzinger ha bisogno della balia?
    La chiesa è pienamente inserita nel mondo dei media e non manca mai di lanciare critiche (è un suo diritto).
    Ovviamente se vuoi far parte del gioco devi aspettare di "ricevere" qualche critica...dovrebbero ben saperlo. :-)

    RispondiElimina
  11. Io ho preparato un post per domani. di più non potvo nemmeno fare. E quest'uscita su mille termini è inappropriata per mille motivi.
    E come si è detto, le critiche sono state solamente straniere.

    RispondiElimina
  12. Nel risveglio delle più ancestrali paure del popolo italiota, in un misto di santini messi li è quà a mo' di antitarme, corni in plastica, gobbi e tarocchi, le nuove orde di VanneMarchi adescano ricche signore di buon famiglia con il timor di Dio. Tra glutei unti, visi di Gilletti, Parietti, dove le Madonne lacrimano sangue e piorree taumaturgiche, tutti si rifugiano sotto l'ala del cardinale: dagli onorevoli che si fanno praticare fellatio da Stagiste e poi ricevono delegati della croce rossa e pie donne che schiavizzano il filippino, perchè non gli pulisce bene l'inginocchiatoio. Questo mostro, questo fungo bulgaro deforme che è l'apparente fede dei nostri connazionali, si affaccia la possibilità di una Chiesa al governo, votata dai politici che hanno bisogno di annullare il matrimonio con la Sacra Rota o far abortire l'amante senza peccare.

    RispondiElimina
  13. Se l'Italia non fosse il Paese più bigotto d'Europa le chiese sarebbero state già messe a ferro e a fuoco. E non ha neanche il gusto di ringraziarci Nazinger. Che vergogna.

    RispondiElimina
  14. Photoshop liquify?

    RispondiElimina
  15. Sbottare è la parola giusta. E sinceramente son perplessa. Denunciare risentimento per le critiche rcevute da parte di uno che emette scomuniche mi sembra quantomeno un controsenso.

    Vero è anche che spesso raccoglie critiche sin troppo veementi, in fondo è il rappresentate di una dottrina specifica...
    ... ma sto pensando alla vecchina che la sera non perde un Rosario (perché i cittadini italiani sono anche questi) e a volte non mi sembra ben rappresentata.
    Né laicamente né spiritualmente.

    RispondiElimina
  16. Anonimo
    Sì, ma con moderazione. Non ho potuto resistere.

    RispondiElimina
  17. Hanno davvero la faccia come il culo...
    Siamo davvero tornati al medioevo....

    RispondiElimina
  18. Fra Berlusconi e Ratzinger non so chi salverei. Uno con i soldi l'altro con l'ignoranza della gente, lottano entrambi per il potere.
    Mah.
    Saluti

    RispondiElimina
  19. Mi chiedo perchè vescovi, sacerdoti e pontefice (anche se non voglio generalizzare) si occupino di cose che non competono loro.E perchè non parlino chiaro, come dovrebbe fare un cristiano, in certe altre situazioni e di certi personaggi...me lo chiedo ma non mi arrivano risposte.

    RispondiElimina
  20. A me fanno paura le facce di questi cardinali, monsignori e del papa in primis.
    Anche se non parlassero, il loro aspetto è crudele, quasi diabolico.

    Ciao Alberto,
    Lara

    RispondiElimina
  21. Don Angelo Bagnaco Capocosca della CEI? Eh quante ne ha dette e prometteva bene già da giovane e lo dico a ragion veduta....

    RispondiElimina
  22. la chiesa mi ha stancato

    RispondiElimina
  23. questo papa è indifendibili mi fa venire voglia di diventare atea

    RispondiElimina
  24. Ma se in Italia in pochi hanno osato sottolineare certe affermazioni! E poi cos'è, un nuovo dogma sul preservativo che non si può nemmeno contestare?!

    RispondiElimina
  25. L'ho visto Bagnasco perdere la pazienza, dice che non accetteranno il linciaggio mediatico. E cosa faranno? Denunceranno? Scomunicheranno? Metteranno i giornalisti al rogo? Ripristineranno la santa inquisizione?
    Sono in attesa di sviluppi....

    RispondiElimina
  26. Basgnasco caro Al si e' molto modernizzato. Si e' limitato a darci una tiratina d' orecchie, una volta ci avrebbe messo al rogo...
    Vale

    RispondiElimina
  27. Non mi fa tanto paura questa presa di posizione dei vescovi e della cei; quello che piu' mi spaventa e' che nel 2009 nel nostro paese ci sia molta gente "studiata" ( anche non cattolica) o presunta tale che accetta e fa propri ,senza minima prova e senza coscenza, tali discorsi fuori dal tempo e dello "spazio"...
    Eppur la terra non si muove verrebe da dire...

    RispondiElimina
  28. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina

Non fate commenti come "Anonimo". Andate su Nome/URL. Inserite il vostro nickname nel campo "nome", se non avete un blog/sito lasciate vuoto il campo URL.