Pagine

mercoledì 27 febbraio 2008

Presenze scomode

manifesto unef
«Alcuni pretendono che gli studenti non abbiano problemi di alloggio» dice questo manifesto provocatorio del Sindacato studenti francese, che vuole promuovere la costruzione di nuovi posti letto per i fuorisede. Una giovane coppia co-stretta a fare l'amore nel letto matrimoniale occupato dai genitori di uno dei due.

Ve li immaginate i tuoni e i fulmini delle compagnie crociate se un poster simile, per una simile causa, fosse stampato e diffuso in Italia?

Articolo del Corriere e sito dell'Unef.

AGGIORNAMENTO, 28 FEBBRAIO
manifesto unef
Un'ora fa un visitatore non registrato che si è firmato gilbus, e che ringrazio molto, ha lasciato un commento con un link a questa foto che ho scaricato, ingrandito e corretto. Poi qui e sul sito dell'UDU ho saputo di più.

Questo poster ha una storia molto lunga, è stato infatti ideato anni fa dall’UNEF, il sindacato degli studenti universitari francesi, ed era già da loro stato utilizzato per una campagna. Attraverso l’ESU, il sindacato degli studenti europei, cui l’UDU, e anche l’UNEF, aderisce, tale manifesto era giunto anche in Italia, utilizzato proprio dall’UDU per una sua campagna nel 2000 senza però avere la risonanza che il manifesto dei francesi ha generato. Ma allora non erano ancora diffusi i blog.

Ecco un caso, solo un caso, dove siamo superiori nell'informazione ai grandi giornali. Qui il Corriere della sera non ha fatto una bella figura.

16 commenti:

  1. anche in Francia il manifesto non è passato inosservato...ha comunque attirato l'attenzione sul problema degli alloggi degli studenti soprattutto dopo l'ondata di notizie sull'offerta di case in cambio di prestazioni sessuali .Questo perchè gli affitti sono molto alti e pare che una percentuale di studentesse accetti siffatte proposte o comunque si prostituisca. In Italia? Non riesco ad immaginare che cosa un manifetso del genere potrebbe provocare a "Porta a Porta"

    RispondiElimina
  2. Quando si dice che un'immagine val piu' di 100... bamboccioni.
    ciao

    RispondiElimina
  3. la chiesa sarebbe già pronta a istituire i ROGHI!

    RispondiElimina
  4. nadiaflavio27/2/08 13:12

    Apriti cielo......e legnate dal clero!

    RispondiElimina
  5. Da noi aveva fatto scandalo la simpatica pubblicità "La papatina attira" con Maria Teresa Ruta, figuriamoci questo!

    RispondiElimina
  6. Mamma, mamma! ma non solo il vespone, il clero etc. Chissà cosa penserebbe la rosabinda & co.?

    RispondiElimina
  7. ...mha, tra questo manifesto e quello del Pierferdinando con il motto
    " aiutiamo le famiglie " non saprei dire quale dei due sia il più scandaloso...sicuramente questo alla vista potrebbe turbare ma l'altro.....purtroppo nella nostra società l'apparenza è ancora la regina....

    RispondiElimina
  8. Ho paura solo ad immaginarle le reazioni!

    RispondiElimina
  9. Più che sull'immagine provocatoria dovremmo riflettere sul problema degli alloggi per gli studenti. In Italia far studiare un figlio in una città come Milano, tra affitto dell'appartamento, spese condominiali e di agenzia,tasse universitarie, costa una cifra esosa,senza che lo stato intervenga a sostenere le famiglie. Per il solo fatto di possedere la casa in cui si vive, si è esclusi da qualsiasi sovvenzione per gli studi universitari dei figli!

    RispondiElimina
  10. in realtà è stato stampato e diffuso in italia già nel 2005 durante le elezioni studentesche dall'UdU a Lecce. In quell'occazione gli stuedenti e i doceni rubavano i manifesti dalla bacheche per metterli in camera!!!

    RispondiElimina
  11. E lo stesso manifesto fu usato dall'UdU anche nel 2000, ecco il link:

    http://orione.ilcannocchiale.it/mediamanager/sys.user/42031/27022008.jpg

    RispondiElimina
  12. http://orione.ilcannocchiale.it/mediamanager/sys.user/42031/27022008.jpg

    RispondiElimina
  13. http://orione.ilcannocchiale.it/mediamanager/sys.user/
    42031/27022008.jpg


    scusate ma mi taglia il link...

    RispondiElimina
  14. gilbus
    Grazie molte. Il link.
    Possibile che nessuno se ne sia accorto prima. Se riesco avviso quelli di Parigi.

    RispondiElimina
  15. Ciao skip, a parte il manifesto, in Italia la situazione è più o meno uguale.

    RispondiElimina
  16. @ sì silla....e allora mi rifaccio al titolo di un film "non ci resta che piangere" ( spero di no...)

    RispondiElimina